Breaking news:

Ciao ragazzi, assorbita la proposta del ministro Poletti sulla vacanza estiva troppo lunga, pensi...
Dopo Roma è la seconda città più rappresentata in High School Radio. Catania, con i suoi 4 licei in...
Proseguono le iscrizioni ad High School Radio dei licei. Dopo l'Hertz, che ha debuttato giusto la...
Nuovi punti bonus a disposizione di tutte le scuole in gara. Due colpi ben piazzati potrebbero...
I fenomeni atmosferici ormai incontrollabili dimostrano come l'uomo stia modificando il pianeta....
Il 17 marzo 1861 fu proclamato il Regno d'Italia che segnava l'unità nazionale. Un popolo, una...
High School Radio verrà presentata lunedì 16 all'istituto Hertz di Roma che si propone quale...
HSR

E' stato il primo vincitore della 65° edizione del Festival di Sanremo. Nella serata special dedicata alle cover NEK ha prevalso con la rivisitazione della canzone "Se telefonando", portata al successo negli anni sessanta da Mina. Eccolo insieme alle nostre Giulia e Claudia, le ragazze del Cavour di Torino, che lo hanno portato in trasmissione nome di tutto il contest di High School Radio.

Chiara Galiazzo, conosciuta semplicemente come CHIARA, è salita alla ribalta della canzone italiana nel 2012, vincendo la sesta edizione di X Factor. Ha al suo attivo due partecipazioni al Festival di Sanremo, rispettivamente nel 2013, classificandosi 8ª con il singolo "Il futuro che sarà" e nel 2015 con il brano Straordinario. Nel corso della sua carriera ha vinto un Wind Music Award e ha ottenuto una candidatura agli MTV Awards 2013, oltre una partecipazione a CAVHOUR, la trasmissione del Cavour di Torino.

La classifica della 65' edizione del Festival di Sanremo la pone giusto ai piedi del podio, dietro a Il Volo, Nek e Malika Ayane. Per noi Annalisa ha comunque vinto la palma della simpatia e della disponibilità dimostrata a vantaggio delle ragazze del Cavour e di tutto il Contest High School Radio. Del resto anche Annalisa, come molti protagonisti dell'Ariston degli ultimi anni, esce dal talent Amici, in cui giovani sconosciuti mettono in gioco la voglia di emergere.

Le ragazze di CAVHOUR, del liceo Cavour di Torino, a Sanremo per il 65’ Festival della Canzone. Con loro, da sinistra in senso orario, il cantante Lorenzo Fragola che sul palco dell’Ariston ha portato il brano “Siamo uguali”, Fabrizio Biggio del duo comico "I Soliti Idioti", in gara con Francesco Mandelli con la canzone “Vita d’inferno”. Fabrizio Nigiotti, ex concorrente di Amici, in competizione con “Qualcosa da decidere”.

La7, la sua organizzazione, la sua gestione, la pluralità di offerta che si combina alla credibilità degli interlocutori è il modello a cui si ispira il progetto High School Radio, di cui Paolo Luzzi - qui in compagnia del direttore Enrico Mentana - è profondo conoscitore. La ventennale esperienza maturata dall’ideatore di HSR in strutture nazionali conferiscono al canale degli studenti una base professionale d’assoluto prestigio anche in prospettiva televisiva, secondo obiettivo del contest appositamente studiato per i ragazzi.

Il Villa Flaminia con la coppa assegnata ai vincitori di tappa quale miglior trasmissione del mese di novembre 2014. Campioni in carica della prima edizione di High School Radio (riservata ai licei di Roma), l'istituto lasalliano conferma, anche con una formazione rinnovata, le qualità che l'hanno portato a primeggiare anche in diverse categorie individuali.

E’ tra le squadre che meglio rappresentano lo spirito di High School Radio. I giovani del San Giuseppe di Piazza di Spagna portano sempre in studio la freschezza di un’età da vivere intensamente. HSR non deve essere preso come un lavoro, ma come una opportunità da giocarsi a prescindere da quello che sarà il domani. Diversi di loro sapranno far valere l’esperienza acquisita dietro al microfono.

Giovani, ma animati dalla forza di volontà che caratterizza lo spirito dei vincenti. Sono i ragazzi del Calasanzio. Nulla a che vedere con la squadra dello scorso anno, completamente rinnovata nella personalità dei suoi componenti. Nella vita l’importante è crederci, sempre e comunque, altrimenti è solo una perdita di tempo. L’età li aiuterà a maturare, ma le premesse ci sono tutte.

La partecipazione del Sant’Apollinare conferisce al contest High School Radio un valore aggiunto. Chissà se davvero, rispondendo all’appello lanciato in trasmissione dai ragazzi dell’istituto pontificio, il Santo Padre vorrà trovare il tempo per un saluto in diretta a tutti i giovani partecipanti. Sognare non costa nulla, soprattutto quando la possibilità non è solo una più illusione.

I ragazzi dell’Asisum sono senza ombra di dubbio tra i più imprevedibili, per ricchezza di storie e di rubriche che lanciano nell’etere con grande leggerezza. Ridere di se stessi, portando alla conoscenza degli ascoltatori anche le proprie disavventure amorose, rappresenta una “genialata” assoluta, considerato che tutti, chi più chi meno, anche se in epoche diverse hanno vissuto situazioni analoghe. Fortissimi.

Hanno sfidato la timidezza dimostrandosi più forti dei compagni che non hanno avuto il coraggio di affrontare il microfono. Del resto questa non è una prova per chi ha poco o nulla da dire. La radio è fatta di musica, ma anche di molte parole; di concetti da costruire per riordinare le idee e prepararsi ad affrontare il mondo. Le ragazze dell’Immacolata affrontano le trasmissioni col sorriso, quello che sfoggiano con il loro tutor Edoardo, lo scorso anno anche lui in gara come concorrente.

Ogni trasmissione di HSR ha la sua peculiarità e quella del Pio IX è relativa alla passione per la musica da discoteca che anima i programmi dei ragazzi capitanati da Davide Del Ben, tra i più attivi di tutto il contest. Novità e vecchi successi si alternano, anche con mixati e riproposizioni inedite, il tutto condito da ultime notizie e interviste qualificate. Eppoi c’è anche “Belen”.

Altro che Inferno o Purgatorio, il Dante di Roma esprime subito la parte più serena del “divino percorso”. L’età non tradisce l’emozione nel rappresentare dietro al microfono anche i compagni più grandi. La stoffa o ce l’hai o ce l’hai e le occasioni servono appunto per dimostrarlo. Brave le ragazze del Dante a lanciarsi nell’arena, a cogliere il momento di provare a forgiare il carattere nella consapevolezza che la vita le obbligherà anche a prove più impegnative.

L’istituto Genovesi è tra le scuole appartenenti al Salvini 24, accorpamento amministrativo determinato dai risparmi di spesa pubblica anche per il settore scuola. Al Genovesi da quest’anno sono così confluiti studenti di altre strutture, ampliando la forza numerica e mentale dei ragazzi, che rispetto allo scorso anno hanno acquisito maggiore consapevolezza del progetto radio, lo scorso anno portato avanti da un unico rappresentante.

Dici Giulio Cesare e ti viene subito in mente “Notte prima degli esami”, successo discografico (e anche film) di Antonello Venditti. Di sicuro è l’istituto italiano più conosciuto, come se non bastasse la responsabilità che grava per operare a nome della scuola che porta il nome del più grande condottiero dell’Impero di Roma. Ma i ragazzi del Giulio sono ormai avvezzi alle attenzioni mediatiche che attirano la quotidianità dell’istituto. Quotidianità che riportano nella trasmissione a loro riferita.

High School Radio è una fonte continua di talenti che si possono esprimere senza bisogno di passare dal via. E’ il caso dei ragazzi del Lombardo Radice, che. come altri istituti, ha deciso di entrare in competizione a campionato in corso. Ma HSR è un contest sempre aperto; come avviene nel giro d’Italia di ciclismo, anche qui si può competere solo per alcune tappe, senza subire il condizionamento di una classifica generale già in parte definita

Il liceo classico e linguistico di Roma è tra le scuole più forti tra quelle in gara. Il successo dello scorso anno, conseguito con il Villa Flaminia, attribuisce al Kant ancora i favori del pronostico, soprattutto per la ricchezza di talenti che è in grado di esprimere, considerato che la rosa a disposizione dei tutor risulta ancora una volta tra le più ricche del contest. Ogni trasmissione porta in studio nuovi ragazzi, alla loro prima esperienza dietro al microfono. Una pecca la decisione di operare solo ogni 15 giorni, la metà delle altre squadre in lizza per il successo finale.

Federica Mogherini, alto rappresentante UE per gli affari esteri, solo qualche anno fa ancora frequentava i banchi del Lucrezio Caro. E’ la grande ex il principale obiettivo dei ragazzi e delle ragazze del liceo romano, che cercheranno di sfruttare lo spazio radiofonico per poterla avvicinare ed intervistare. High School Radio è un grande confronto generazionale, l’unico che consente agli studenti di tutte le epoche di rapportare le differenti esperienze comunque come compagni di scuola.

E’ tra gli istituti più imprevedibili di High School Radio. Capire cosa pensano di portare in trasmissione è tutte le volte un’impresa. Partono, tornano, chiamano in trasmissione personaggi incredibili, coinvolgono tutto quello che incontrano lungo il cammino. Gianni Morandi, Milly Carlucci, Pupo e la chicca Grillo sono solo alcuni dei tanti vip raggiunti. Se sapranno controllare l’esuberanza per riuscire ad organizzare le idee, l’Azzarita sarà sicuramente tra le principali candidate al titolo finale.

Il Cavanis è tra le squadre che dimostra una partecipazione mentale particolarmente attiva. Gli argomenti vengono preparati per lasciare il meno possibile all’improvvisazione. Traspare dai ragazzi di Cavanis Radio il gusto di portare in trasmissione quello che si vuole condividere con gli altri, incarnando perfettamente lo spirito che anima il contest High School Radio.

Simpatia, entusiasmo, partecipazione. I colori di Napoli irrompono in HSR con i ragazzi del Leonardo Da Vinci, che per primi hanno accolto l’invito rivolto alle scuole patenopee. Napoli e rappresenta una pietra miliare nel percorso di espansione del progetto rivolto a fornire le giovani generazioni di un mezzo di comunicazione proprio. Radio Punto Zero, terza reraltà radiofonica della Campania, garantisce supporto e visibilità a tutte le scuole della Regione interessate a seguire l’esempio dei ragazzi del Da Vinci.

Un liceo classico (il Meli) ed uno scientifico (Il Galilei) separati da pochi metri di strada e, soprattutto, distanti solo due passi dall’emittente che concede il supporto tecnico. Non poteva che essere una grande ammucchiata la prima radiofonica dei ragazzi di Palermo che, tra l’altro, saranno seguiti nella realizzazione dei rispettivi programmi dal professor Costantini. Un derby nel derby per il coach scolastico, un passato da speaker radiofonico e grande appassionato del mezzo.

A Milano ci sono due scuole Manzoni. A diversificare gli istituti e l’indirizzo di studio è l’articolo che precede il nome: la nostra è La Manzoni, liceo linguistico, terza forza del capoluogo lombardo, solo in quanto ultima ad essersi iscritta. Il primo obiettivo dei ragazzi è dunque di recuperare il ritardo rispetto alle altre scuola milanesi per conquistare, per qualità di trasmissione, la supremazia cittadina. Con i ragazzi intervenuti alla puntata zero, il nostro Mario, il titolare del Dixieland Fabrizio Aiello ed il tutor scolastico Pierluigi Maruca.

Foto di gruppo del Galileo Galilei alla prima di High School Radio. Negli studi di Radio Catania, accompagnati dalle tutor dell’istituto e di HSR, posa una piccola rappresentanza dei ragazzi partecipanti al contest. Il Galilei vanta infatti oltre 2000 iscritti e la scuola prevede di mettere in campo ben 10 distinte redazioni. Da quello che si è potuto capire già nella puntata di presentazione ne ascolteremo davvero delle belle.

Più che scrivere, oggi si affidano alla voce per diffondere il nuovo verbo del Parini: sono i ragazzi di Radiologia, la trasmissione di riferimento del liceo che fu di Alessandro Manzoni, l’autore dei “Promessi Sposi”, il più famoso romanzo italiano. Una passione, quella per la radio, che coinvolge un numero sempre crescente di studenti, segno tangibile della forza interiore che anima le trasmissioni dell’istituto milanese.

Il Boggio Lera a Radio Catania, emittente che garantisce il supporto tecnico ai licei di HSR. La puntata di presentazione ha visto all’opera alcuni dei ragazzi che prenderanno parte alla realizzazione delle trasmissioni dell’istituto. Con loro la professoressa Simona La Spina, tutor del progetto radiofonico.

I ragazzi del Gonzaga negli studi di Dixieland Radio, l’emittente che garantisce il supporto tecnico a Gonzair, il programma di riferimento dell’istituto milanese. High School Radio rappresenta per loro anche un derby, considerata la contemporanea presenza al contest di altre quattro scuole di Roma dei fratelli delle scuole cristiane de La Salle.

L’Istituto alberghiero Saffi di Firenze, ospite di Lady Radio, accompagnati nella puntata inaugurale dal coordinatore di HSR Mario Stefanelli. A dare in trasmissione l’ufficialità della partecipazione della scuola fiorentina il professor Todaro e la prof.ssa Rotondi, tutor demandati a seguire i ragazzi in questa nuova avventura, utile a farci conoscere molti consigli su una sana alimentazione.

E’ intitolato a Concetto Marchesi, deputato della prima legislatura della Repubblica, il terzo liceo di Catania iscritto ad High School Radio. Istituto classico, scientifico e tecnico industriale, il complesso si trova a Mascalucia, alle pendici dell’Etna: 40 classi ospitano 950 studenti, ora protagonisti di “Marchesi On-Air” il programma di riferimento che diffondono attraverso Radio Catania, prezioso partner siciliano.

L’abito non farà il monaco, ma se i ragazzi del Poggio Imperiale di Firenze sapranno portare in trasmissione solo una parte della grandezza e dell’imponenza della scuola che li iscrive ad HSR il risultato non potrà essere che positivo. A Lady Radio una rappresentanza di studenti posano con il coordinatore Mario Stefanelli ed il prof. Marco Burberi, tutor scolastico della squadra di comunicatori assemblata dalla scuola.

E’ la scuola guida di Bergamo il grande istituto Giulio Natta, eccellenza dei licei lombardi. Una scuola di tale rango non poteva che disporre del supporto più importante della città: Radio Alta, collegata a Bergamo TV e all’Eco di Bergamo, il Quotidiano di riferimento della ricca provincia italiana. E’ un privilegio per HSR ed i ragazzi poter operare in una struttura di tale spessore , garanzia di crescita umana e professionale per giovani studenti che vogliono provare a vivere da protagonisti il mondo della comunicazione.

Ezio Luzzi è tra i fondatori del più grande successo radiofonico d’Italia: Tutto il calcio minuto per minuto, di cui è l’ultima voce storica. Il direttore di Elleradio mette al servizio dei giovani studenti delle scuole partecipanti ad HSR la pluriennale esperienza maturata in 60 anni di attività, soprattutto al seguito della nazionale di calcio fin dal 1970, anno del secondo posto messicano dietro ai carioca guidati da un certo Pelé

All'anagrafe risulta Flavio, ma potete anche chiamarlo Zac o, se preferite, Draco Malfoy, sempre che, ascoltandolo, non vi ricordi qualcun altro dei tanti personaggi che ha accompagnato al successo. Flavio Aquilone è già un'icona per i giovani, cresciuti con i cartoni animati o i film a cui ha prestato la voce. Insieme ai ragazzi del Villa Flaminia, che lo hanno ospitato in radio, Flavio mostra con orgoglio la nostra maglietta, divenuta un ulteriore motivo per accettare l'invito in trasmissione

I ragazzi del Cavour di Torino insieme a J-AX, il rapper italiano, cantautore e produttore discografico. Fratello di Luca, ex componente dei Gemelli Diversi, Alessandro Aleotti ha raggiunto la notorietà quale voce del gruppo hip-hop - crossover Articolo 31. Come coach del talent show "The voice of Italy", nel 2014 ha portato alla vittoria suor Cristina Scuccia. Con Fedez ha creato Newtopia, una nuova etichetta discografica. La sua massima: il bello di essere brutti.

ENZO IACCHETTI è un portafortuna di High School Radio. Sua è stata la prima testimonianza che gli studenti del Convitto Nazionale hanno saputo portare ad ottobre in trasmissione, bissata ad aprile dai ragazzi dell'Azzarita in occasione dello spettacolo su Gaber portato in scena a Roma dallo show-man. Enzino - qui immortalato con Francesca Campione - ha una profonda considerazione dei giovani, nei confronti dei quali si concede con grande generosità, ritenendosi lui stesso responsabile di un sistema Paese che di fatto li priva di un futuro degno delle loro aspettative

Attore e personaggio televisivo, Luca Argentero è molto apprezzato dalle giovani generazioni. La sua scalata alla notorietà è nata al Grande Fratello, dove si è classificato terzo nell'edizione del 2003.Luca ha dimostrato grandi doti di recitazione soprattutto al teatro, interpretando il ruolo da protagonista in Shakespeare in Love. Al fianco di Brignano ha condotto anche Le Iene.

FABRIZIO FRIZZI non smette mai di stupire: grande tra i grandi, umile tra gli umili. Fama e successo non gli hanno fatto dimenticare gli esordi, la TV dei ragazzi, fatiche ed emozioni vissute nel costruire passo dopo passo una carriera straordinaria. Ex studente del Calasanzio, Fabrizio ha risposto all'invito in diretta dei ragazzi del Sant'Apollinare schierati in posa insieme alla loro tutor Valeria Lentini

Il giorno che si è presentato in radio per la diretta del programma "Il più grande spettacolo del week-end" Riccardo Fortunati, in arte RICKY MEMPHIS, era forse più emozionato degli stessi ragazzi che lo hanno intervistato. Con gli immancabili occhiali da sole (tenuti rigorosamente anche all'interno dello studio) l'ospite del liceo Sant'Apollinare ha confermato di essere esattamente quello che si vede sugli schermi cinematografici: un ragazzo pulito, unanimamente apprezzato per la semplicità che non tradisce neanche nei confronti delle giovani generazioni che lo prendono d'esempio.

PIPPO BAUDO non ha mai lesinato apprezzamenti nei confronti di High School Radio, che definisce un'opportunità unica per gli studenti dei nostri licei. L'uomo della televisione italiana, scopritore di tantissimi talenti, si presta così volentieri a rispondere agli inviti dei ragazzi (in questo caso Elena Pesciarelli e Claudia Matarazzi del Giulio Cesare) di portare alla conoscenza delle giovani generazioni l'esperienza di oltre 50 anni di carriera vissuta sempre sotto i riflettori
EUGENIO FINARDI ha potuto toccare con mano l'assoluta libertà di cui godono i ragazzi di High School Radio che lo hanno incontrato, quella stessa che il cantautore milanese auspicava nel 1976 attraverso il suo più grande successo discografico (La Radio). Malgrado l'età Eugenio resta un riferimento per le giovani generazioni, soprattutto quelle che si avvicinano al mondo della musica con la speranza di poterne seguire le orme.

Ad High School Radio è arrivato anche il momento di Gabriele Pellegrini, in arte DADO, il comico cantautore salito alla ribalta del grande pubblico grazie alle sue performance sul palco di Zelig. Accolto ad Elleradio dai ragazzi del Manara, Dado ha ricordato i tempi del liceo e l’importanza di avvalersi di tutte le opportunità che essa offre oltre la canonica preparazione culturale, considerata la diversa maturazione che ogni studente è in grado  di sviluppare nell’arco della propria vita. “L’importante – ha ammonito Dado – è fare le cose sul serio e non tanto per farle, altrimenti non servono a nulla ed è solo una perdita di tempo”.

News

HSR, primo turno di marzo. Le scuole in onda su Elleradio

Martedì 3 marzo - ore 15:00 NATTA (Bergamo), ore 16:00 SAFFI (Firenze) Mercoledì 4 marzo – ore 15:00 BOGGIO LERA (Catania), 16:00 GONZAGA (Milano), ore 19:00 PARINI (Milano) Giovedì 5 marzo – ore 15:00 VALSALICE (Torino), 16:00 LEONARDO DA VINCI

Classifiche: si vota per marzo

Concluso domenica scorsa l'utimo turno relativo a febbraio, a partire dalla mezzanotte sono state azzerati tutti i voti inerenti la seconda tappa del 2015. I voti espressi si riferiscono pertanto al mese in corso. A breve pubblicheremo le classifiche con aggiornamento di quella generale. 

Studenti: fate un sondaggio sul film più bello degli anni 2000

Ciao ragazzi, questa settimana vi chiediamo di farci sapere quele è il film più bello che avete visto. Attenzione: non ci interessa cosa pensa Marco o Vittoria, ma quelo che è il risultato di un sondaggio svolto tra i compagni.

HSR, l'ultimo turno di febbraio

Martedì 24 febbraio - ore 15:00 NATTA (Bergamo)Mercoledì 25 febbraio - Ore 15:00 BOGGIO LERA  (Catania), ore 16:00 A. VOLTA (Reggio Calabria) Giovedì 26 febbraio - ore 15:00 VALSALICE (Torino), ore 16:00 TACITO (Terni), ore 17:00 L.

HSR, LIGURIA DODICESIMA REGIONE CON GENOVA PRONTA A PARTIRE

Sarà Genova a rappresentare la dodicesima Regione partecipante ad HSR. Il Capoluogo ligure, ancora in questi giorni flagellato dalle piogge, entrerà in competizione a marzo probabilmente con 3 istituti. Anche il supporto tecnico necessario alla messa in onda dovrebbe essere garantito.

Pagine